Blog-ESSENZA

ESSENZA

Blog

 
 
 
 
  
 
NOVEMBRE 2018


Sapete perchè l'inquinamento atmosferico è maggiore in inverno?
E cosa comporta per la nostra cute e i nostri capelli?


pexels-photo-221012

L'aria in inverno è più pesante e, raffreddandosi velocemente, si accumula verso il suolo portando con sé tutti gli inquinanti presenti prodotti dalle varie attività dell'uomo.
Se a queste sostenze aggiungiamo anche l'umidità si forma lo smog.

Vi spieghiamo perchè l'aria della Pianura Padana è tra le peggiori d’Europa: la catena montuosa alpina che circonda il territorio lo protegge dai venti che arrivano molto deboli, creando quindi un deposito di sostanze inquinanti che va ad aumentare giorno dopo giorno.

Visto che la maggior parte delle persone passa le giornate in luoghi chiusi come abitazioni o luoghi di lavoro, occupiamoci di dare informazioni anche sulla qualità dell'aria di questi ambienti.

L'aria indoor è potenzialmente più inquinata di quella esterna in quanto vi si aggiungono i fumi delle caldaie, dei fornelli a gas, dei condizionatori; anche i detegenti chimici fanno la loro parte.
Per evitare l'accumulo di inquinanti, quindi, è opportuno un frequente ricambio del'aria, eliminare o limitare le fonti di emissioni nocive, utilizzare detergenti naturali.

Proprio il nostro territorio è tra le zone più inquinate in Italia del 2018, per aver già superato il limite di 35 giorni all'anno con concentrazioni medie di PM10 superiori a 50 microgrammi/metro cubo: Milano con 47 giorni, Alessandria con 41 e Pavia con 39.
Considerando la stagione, abbiamo già intuito che i "giorni più inquinati" aumenteranno notevolmente entro la fine dell'anno.

Le polveri sottili (PM10) risultano dannose in quanto possono ostruire le vie respiratorie (bronchi e trachea), all'interno di queste particelle troviamo delle sostanze ancora più dannose, le PM2,5 che con le loro piccole dimensioni (2,5 micron di diamtero) possono arrivare fino ai polmoni.


Anche la nostra cute e i nostri capelli risentono dell'inquinamento e sono soggetti al deposito di queste sostanze nocive.
L’accumulo di tali composti rende i capelli opachi, destrutturati e fragili, a livello cutaneo provoca infiammazioni come irritazioni o dermatiti, spesso confuse con la forfora, in alcuni casi si parla anche di perdita di capelli.
A differenza della polvere classica, che si elimina facilmente con uno shampoo, le polveri sottili e fini (PM10 e le PM2,5) non sono di facile rimozione, per questo è necessario intervenire con dei trattamenti specifici.


PM10capello

La nostra proposta è un trattamento cute e capelli anti-inquinamento, che rimuove tutte le impurità provenienti dall'ambiente (come i metalli pesanti), purificando la cute e detossinandola.
Gli ingredienti attivi del trattamento sono:
- il carbone vegetale di bambù, che ha un alto potere assorbente grazie alla sua struttura microporosa, funge come una rete che cattura le impurità, tonifica il cuoio capelluto e ne favorisce l'ossigenazione;
- l'estratto di tè matcha, particolarmente ricco di vitamine e sali minerali, ha un potere antiossidante 137 volte maggiore rispetto al tè verde e neutralizza i radicali liberi.

 
Con il nostro metodo, per avere capelli straordinari seguendo le fasi lunari, ti consigliamo di effettuare questo trattamento dal 24 novembre al 7 dicembre 2018.

A presto! 
Enza Biasella